Our News

IL PRIMO PARTITO DEL WEB 3.0

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

SEI STANCO ANCHE TU DI VEDER CAMBIARE I MINISTRI MA NON LA MINESTRA?

Elezioni politiche Settembre 2022

#NOISIAMO

IL PRIMO PARTITO DEL WEB 3.0

Il primo partito del WEB 3.0:
#NoiSiamo il fronte del web, un team di Giovani impegnati nel sociale e nell’attivismo politico, abbiamo il desiderio di aiutare il paese a risolvere i propri problemi attraverso le nuove tecnologie, le energie rinnovabili e l’economia circolare.

SE ANCHE TU COME NOI SEI INDECISO E PENSI DI NON SAPERE O DI NON VOLER VOTARE NESSUNO UNISCITI A  #NOISIAMO ED AIUTACI A CAMBIARE IL PIANETA.

 

NOI NON VOTIAMO MA CI MOBILITIAMO

I AM BECAUSE WE ARE

UNISCITI ANONIMAMENTE

CREA LA TUA EMAIL ANONIMA

SCOPRI COME DISSENTIRE con il IL PRIMO PARTITO DEL WEB 3.0

IL FUTURO SIAMO NOI

UNISCITI AL FRONTE

FONTE DEL VIDEO GEOPOP

500

ISCRITTI ALLA PAGINA del IL PRIMO PARTITO DEL WEB 3.0

1421

ADESIONI ANONIME NON VOTANTI

COSA RITENIAMO IMPORTANTE

UNISCITI ANONIMAMENTE

Prima regola di NOISIAMO IL fronte dei non votanti.

I VERTICI DEL FRONTE, ELETTI DEMOCRATICAMENTE ATTRAVERSO ELEZIONI CON UN SUFFRAGIO DI ALMENO IL 90% DEGLI ISCRITTI, RINUNCERANNO A QUALUNQUE CARICA POLITICA DI CARATTERE ELETTIVO.
CONTATTACI IN CHAT AIUTACI A FINIRE LO STATUTO
'

CAMBIAMENTO CLIMATICO

Attraverso un piano di investimenti che favorisca la transizione ecologica.

SICUREZZA DEI DATI / INFORMATICA

Attraverso una piattaforma decentralizzata che favorisca digitalizzazione e formazione.

LA PACE

Con un percorso graduale che consideri più l Unione Europea e meno la NATO.

CRISI ENERGETICA

Abolendo i combustibili fossili e favorendo energie rinnovabili e nucleare.

COME VOGLIAMO FARLO

UNISCITI ANONIMAMENTE

HAI DECISO DI NON RECARTI AL SEGGIO ELETTORALE?

NO! ANNULLA IL TUO VOTO ED UNISCITI A NOI PER CAMBIARE QUESTO PAESE

Noi Non votiamo, ci mobilitiamo.

I M BECAUSE WE ARE.

ENERGIA RINNOVABILE

Favorendo progetti geolocalizzati, sulla base delle fonti di energia rinnovabili presenti sul territorio.

DECENTRALIZZAZIONE

Favorendo la nascita di sistemi nazionali che sostituiscano servizi invadenti e di terze parti.

SUPPORTO ALL’EUROPA

Partecipazione proattiva all’interno dell ecosistema Europa con il five di trovare tutti insieme una strada per la pace.

CONTROLLI ED INVESTIMENTI

Favorendo le associazioni che tutelano il territorio e potenziando le visite guidate gestite dai comuni.

ELEZIONI POLITICHE, 25 SETTEMBRE 2022: I PRINCIPALI MOTIVI E TEMI DRIVER DI NON VOTO DEGLI ITALIANI

COSTRUISCO TUFO SU TUFO UN FUTURO CHE MI VEDE UN UFO.

SE TI SENTI COME ME👇 CLICCA QUI 👇.

🇮🇹 NOI SIAMO ANCHE TE! 🇮🇹

PAGINA FACEBOOK NOI SIAMO IL PRIMO PARTITO DEL WEB 3.0
www.liberteazione.it

UNISCITI ANONIMAMENTE

Dopo l’ultima crisi di governo, il 25 settembre gli italiani saranno chiamati ad esprimere una preferenza elettorale, andando a votare anticipatamente . Quali sono i motivi per cui, oggi, gli elettori NON votano per un partito? E quali i temi che attirano maggiormente l’interesse?.

Sei stanco anche tu di veder cambiare i ministri ma non la minestra? Metti Like a questa pagina e commenta il nostro obiettivo è realizzare il MANIFESTO DEL NON VOTANTE una lista di punti strutturati per i quali abbiamo deciso di non votare. All’interno di questa lista, saranno presenti i principali problemi manifestati dagli utenti e le relative soluzioni proposte.

DAL BLOG del PARTITO DEL WEB 3.0

Questione Inceneritori, rifiuti e raccolta differenziata.

QUESTIONE INCENERITORI, RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA.

All'interno di alcuni programmi, cosi come nei peggiori forum di Reddit, è possibile trovare delle proposte e delle idee in merito alla raccolta della spazzatura tramite blockchain. Il processo di raccolta della spazzatura in Italia è sempre stata questione di...

VOLUNTEER

PROPONIAMO SOLUZIONI ALLE CRISI POLITICHE, BASATE SU PARERI DEL MONDO DEI NUOVI MEDIA

PAGINA FACEBOOK NOI SIAMO

www.liberteazione.it

DAL NOSTRO BLOG

Cos’è e come funziona il peer-to-peer. Perchèè importante

COS’È E COME FUNZIONA IL PEER-TO-PEER. PERCHÈÈ IMPORTANTE

Cos'è e come funziona il peer-to-peerAnche se per molti fa rima esclusivamente con file sharing e download gratis, l'architettura p2p può essere utilizzata per gli scopi più disparati p2p Per molti, è sinonimo di condivisione di file online e download gratis di...

Privacy Policy

PRIVACY POLICY

Privacy Policy di workingwithweb.it Per avere informazioni circa i tuoi dati personali raccolti, le finalità ed i soggetti con cui i dati vengono condivisi, contatta il Titolare. Titolare del Trattamento dei Dati Alfonso Vertucci Indirizzo email del...

La questione Formazione, nuovi lavori e reddito di cittadinanza.

LA QUESTIONE FORMAZIONE, NUOVI LAVORI E REDDITO DI CITTADINANZA.

All'interno dei nostri apparati sia pubblici che privati riscontriamo un senso di disagio generalizzato nell'approccio alle nuove tecnologie le quali vengono percepite con disagio e paura. La nostra proposta consiste nella realizzazione di una piattaforma governativa...

Come si vota il 25 settembre? Cosa esattamente non dovrò fare?

COME SI VOTA IL 25 SETTEMBRE? COSA ESATTAMENTE NON DOVRÒ FARE?

Come si vota il 25 settembre? Cosa esattamente non dovrò fare? Indicazioni per poter giungere pronti alle urne elettorali: Il Rosatellum come funziona? come funzionano le leggi elettorali? , i collegi uninominali, le liste bloccate e le pluricandidature Manca meno di...

DuckDuckGo, il servizio email per garantire la privacy

DUCKDUCKGO, IL SERVIZIO EMAIL PER GARANTIRE LA PRIVACY

DuckDuckGo, noto soprattutto per il suo motore di ricerca incentrato sulla privacy, ha annunciato un nuovo servizio che mira a contrastare i tracker di posta elettronica. Email Protection, ora disponibile in versione beta, è un servizio di inoltro...

Cos’è la decentralizzazione? Quando è nato questo fenomeno?

COS’È LA DECENTRALIZZAZIONE? QUANDO È NATO QUESTO FENOMENO?

Nei prossimi paragrafi passeremo in rassegna tutti gli aspetti più importanti La dinamicità di Internet. Prima di vedere nel dettaglio cos'è la decentralizzazione, quanto è nata e quali sono tutte le suepotenzialità, dobbiamo fare un piccolo ripasso di storia...

La collona sonora della Rivoluzione

LA COLLONA SONORA DELLA RIVOLUZIONE

https://www.youtube.com/watch?v=a9tf49drPKY https://www.youtube.com/watch?v=4x3MIHWLneo https://www.youtube.com/watch?v=orgycZTgvUQ https://www.youtube.com/watch?v=D8ZVhvXqUzI https://www.youtube.com/watch?v=uDG0vdogIP0

CALCOLA IL TUO CONSUMO DI CO2

NON ASPETTARE COMINCIARE A RINNOVARE!

UNISCITI ANONIMAMENTE

CALCOLA

ALTERNATIVE

Le Energie Alternative offrono numerosi modi per la produzione di energia rinnovabile ecco le principali fonti.

EOLICA

L’energia eolica sfrutta la forza del vento,  per produrre energia elettrica.

SOLARE

L’energia eolica sfrutta i raggi solari,  per produrre energia elettrica.

FLUVIALE

L’energia Fluviale sfrutta la forza dei fiumi,  per produrre energia elettrica.

MAREALE

L’energia Mareale sfrutta la forza delle maree,  per produrre energia elettrica.

NUCLEARE

L’energia Nucleare sfrutta la fissione clueare,  per produrre energia elettrica.

MAKE A DONATION

€000,000 FONDI PUBBLICI

NON SIAMO COINVOLTI CON NESSUN PARITO O ENTITÀ PREISTENTE SIAMO TUTTI NORMALI CITTADINI

Se anche tu come noi sei indeciso e pensi di non sapere o di non voler votare nessuno iscriviti al nostro percorso ed aiutaci a cambiare il pianeta.

GET INVOLVED

PROSSIMI EVENTI

30

LUGLIO
2022

CLIMATE CAMP: “NON BASTA PIÙ FINGERE DI ASCOLTARCI”

Nessuno sis ta ponendo il problema di inserire nei programmi elettorali le cose davvero importanti

27

LUGLIO
2022

TECH4YOU KICK OFF MEETING

“Più cambiamo, meno cambia il clima” è la sfida che Tech4You propone di vincere. Grazie al sostegno delle Regioni Calabria e Basilicata, Tech4You sarà una opportunità di sviluppo socio-economico in grado di creare nuova occupazione e rafforzare la resilienza delle comunità coinvolte. MORE DETAILS

ISCRIVITI ANONIMAMENTE

COSTRUISCO TUFO SU TUFO UN FUTURO CHE MI VEDE UN UFO.PARTITO DEL WEB 3.0

SE TI SENTI COME ME👇 CLICCA QUI 👇.

🇮🇹 NOI SIAMO ANCHE TE PARTITO DEL WEB 3.0! 🇮🇹

PAGINA

-www.liberteazione.info 


Elezioni politiche 25 Settembre 2022 come fare per non votare

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Rifiuto da parte dell’elettore di ritirare la scheda elettorale .

RIUFIUTA LA SCHEDA ELETTORALE SCENDI IN PIAZZA A MANIFESTARE

Circolare n. 19

Operazioni di voto dell’ufficio elettorale di sezione.

Rifiuto da parte dell’elettore di ritirare la scheda elettorale

Continuano a pervenire a questa Direzione Centrale dei Servizi Elettorali numerosi quesiti e richieste di chiarimento in merito ad una possibile forma di astensione dal voto, con il possibile rifiuto della scheda elettorale ed eventuale richiesta di verbalizzazione di dichiarazioni di astensioni o proteste di vario contenuto...

In materia, si rappresenta che le norme vigenti si limitano a disciplinare la procedura di voto, nonché i casi di nullità delle schede (articoli da57 a63 del D.P.R. n. 361/1957).

L’art.62, infatti, prevede l’ipotesi in cui l’elettore non voti in cabina elettorale, facendone derivare la nullità della scheda. Ciò accade quando l’elettore registrato dal seggio elettorale, al quale ha consegnato la tessera elettorale e il documento d’identità, abbia ritirato la scheda e poi l’abbia riconsegnata senza entrare prima in cabina.

In tal caso, l’elettore dovrà essere conteggiato tra i votanti e la scheda dovrà essere dichiarata nulla e inserita nell’apposita busta secondo le istruzioni in dotazione ai seggi.

Quindi alle Elezioni politiche 25 Settembre 2022 Come fare per non votare?

Invece, il rifiuto della scheda non trova una specifica disciplina normativa ma non può certamente ritenersi vietato; l’elettore, infatti, può richiedere specificamente al presidente del seggio elettorale di voler votare solo per alcune e non per tutte le consultazioni in corso (e di voler ricevere, quindi, solo alcune schede) oppure può dichiarare di voler rifiutare tutte le schede.

L’ipotesi che si evince dai quesiti e dalle richieste di chiarimento pervenute a questo Ufficio sembra riguardare i casi in cui l’elettore voglia astenersi completamente dal voto, rifiutando tutte le schede e chiedendo la verbalizzazione della propria astensione dal voto stesso.

Al riguardo, si ritiene che, in tali evenienze, il presidente del seggio – al fine di non rallentare il regolare svolgimento delle operazioni - possa prendere a verbale la protesta dell’elettore e il suo rifiuto di ricevere la scheda, purchè la verbalizzazione sia fatta in maniera sintetica e veloce, con l’annotazione nel verbale stesso delle generalità dell’elettore, del motivo del reclamo o della protesta, allegando anche gli eventuali scritti che l’elettore medesimo ritenesse di voler consegnare al seggio.

Per quanto attiene la rilevazione del numero degli elettori, appare utile rammentare che coloro che rifiutano la scheda non dovranno essere conteggiati tra i votanti della sezione elettorale.

Al fine di assicurare la speditezza e la regolarità delle operazioni di voto, si richiama l’attenzione delle SS.LL. circa la necessità di sensibilizzare, attraverso i sindaci dei comuni della provincia, i presidenti degli uffici elettorali di sezione affinchè sia predisposta ogni misura idonea per evitare, in ogni caso, il verificarsi di situazioni che possano ostacolare la procedura di voto all’interno del seggio, a garanzia del regolare svolgimento del procedimento elettorale e del rispetto degli elettori che devono poter esercitare agevolmente il loro diritto/dovere di voto.

Fonte: Sito della prefettura
S
ito del Progetto: www.libertaeazione.it

Data pubblicazione il 30/01/2013
Ultima modifica il 30/01/2013 alle 08:31

Continua a seguire la nostra community su Libertaeazione.info


Testare ADSL metodo 2022

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

  • COME TESTARE ADSL
  • TESTARE ADSL: Quali Test di misurazione scegliere?
  • TESTARE ADSL: Parametri preliminari prima del test.
  • Controllo dei cavi per ADSL
  • TESTARE ADSL: Strumenti di misurazione
  • I pro e contro dell'utilizzo di NE. ME. Sys
  • Speedtest di Ookla
  • Fast.com
  • Broadband speed Checker
  • Strumenti di misurazione dei provider
  • Conclusione

COME TESTARE ADSL

In questo articolo vedremo come testare adsl 2022 risolvere i problemi relativi ad una connessione internet lenta, grazie ai vari sistemi di misurazione, facilmente reperibili. Stai avendo problemi con la tua connessione, poichè il tuo provider non ha una buona copertura nella tua zona? Oppure vuoi sapere quale tra i provider scegliere per assicurati una buona velocità di connessione?

Continua a leggere tutte le indicazione che abbiamo riportato, affinché tu possa risolvere una volta per tutte il problema in questione. Sappiamo quando ai nostri giorni sia diventato fondamentale avere una connessione internet che si rispetti, per non essere tagliati fuori dalla soceta contemporanea. Ciò indipendentemente dal fatto che tu la utilizzi: per il tuo lavoro in smart working, o più semplicemente nel tempo libero (streaming, social, ecc). Ebbene qualunque sia il tuo problema, non disperarti, mettiti comodo e alla fine di quest’ articolo, saprai sicuramente come far fronte alle tue esigenze.

spie-modem-adsl-come-testare-adsl

TESTARE ADSL: Quali Test di misurazione scegliere?

Giustamente sei arrivato fin qui vorresti sapere come TESTARE ADSL, e ti starai sicuramente chiedendo quale test di misurazione scegliere, ma ebbene precisare un punto. Prima di entrare nel nocciolo della questione, è bene sapere che come per ogni problema esistono due strade da seguire: rimedio e prevenzione.

Prevenzione.

Se non hai ancora scelto il tuo provider per la connessione, puoi provare ad effettuare una serie di test, per avere le idee più chiare. In questo modo avrai a disposizione dei parametri indicativi, su quale tra i provider ha la migliore copertura nella tua zona. In tal caso potrai utilizzare test di misurazione più semplici, senza installazione che non hanno valenza legale. In questo caso la procedura sarà più semplice, ti lascio qui sotto la lista dei paragrafi con i vari test di misurazione che potrai utilizzare. in questo modo vi faciliteranno nella lettura dei paragrafi, che corrispondono più nello specifico alle tue esigenze.

Rimedio.

Nel caso in cui invece hai già un contratto con un provider, e vuoi verificare se la tua velocità di connessione rispetti i canoni contrattuali. In tal caso, potrai disdire il tuo abbonamento qualora tali canoni non vengano rispettati, o procedere per vie legali. Per fare ciò dovrai utilizzare il software Ne. Me. Sys.

Essendo l’ unico fornito dall AGCOM e che ha valenza legale.

Continua a leggere, e qui sotto ti sarà spiegata la procedura passo dopo passo.
Se questo è il tuo caso, qui sotto trovi il link per scorrere direttamente al paragrafo relativo al software NE.ME.Sys.

TESTARE ADSL: Parametri preliminari prima del test.

Prima di effettuare un test con i vari strumenti, ebbene assicurarsi di alcune misure preliminari.

  • Disconnetti eventuali altri dispositivi al di fuori di quello utilizzato per TESTARE ADSL.
  • Chiudi altri programmi sul tuo dispositivo al di fuori del browser per effettuare il test.
  • Utilizzare un cavo Ethernet per la connessione se possibile evitando che il segnale si disperdi.
  • Assicurati di poter utilizzare adobe flash player sul tuo browser. Poiché alcuni strumenti di misurazione necessitano di tale programma.

cavi-ADSL-come-testare-ADSL

Controllo dei cavi per ADSL

Per assicurarsi che il tuo segnale alla rete arrivi in maniera ottimale, è necessario effettuare un controllo attraverso i cavi del ADSL.
Bisogna accertarsi infatti che i cavi in questione non siano logorati o danneggiati.

Sarebbe preferibile che il cavo in questione non subisca deformazioni, ovvero che sia ben dispiegato dalla fonte dell ADSL (router) al tuo device. Controllare i filtri del ADSL Un altro parametro da tenere sotto controllo sono i filtri dell ADSL. Che cosa è un filtro ADSL? Un filtro ADSL è un convertitore di segnale da analogico al digitale.

FIltro ADSL


Tale filtro ha la funzione
di convertire il segnale telefonico in una connessione a banda larga.
A tal proposito è indispensabile assicurarsi che il filtro in questione svolga correttamente la sua funzione. Controllare le spie del tuo modem ADSL?

Per assicurarti che tutto sia pronto per la fase preliminare del test, è utile, ma non indispensabile, controllare che le spie di accensione del tuo router, siano accese e fisse. Le spie presenti sul tuo router più comunemente sono le seguenti.

Power: La spia che indica lo stato di accensione del dispositivo.

Internet: La spie che indica lo stato della connessione internet.

LAN: La spia che indica che il cavo sia correttamente inserito alla porta relativa posizionata nella parte posteriore del router.

TESTARE ADSL: Strumenti di misurazione

NE. ME. Sys.

Come abbiamo accennato precedentemente il software NE.ME.Sys è l’ unico di cui possiamo disporre per avere un riscontro valido anche ai fini legali.

I pro e contro dell'utilizzo di NE. ME. Sys per TESTARE ADSL

I pro

  • - Completamente gratuito.
  • - Offre una constatazione valida ai sensi della legge. Infatti il servizio in questione è offerto dall AGCOM (Autorità per la garanzia delle comunicazioni).
  • - Maggiore precisione ed accuratezza, rispetto ai normali strumenti da browser.
  • È disponibile per qualsiasi sistema operativo (window, IOS, Linux)

I contro

  • Necessita di un'installazione
  • Tale strumento ha però una procedura più lunga (di 24 ore).
  • Necessità di un PC per l’ installazione, non può essere effettuata da Android.

Come procedere per TESTARE ADSL

Step 1: Iscriversi al sito.

Sul sito in questione è necessario inserire i propri dati anagrafici, (essendo comunque un collegato ad un ente ministeriale).
Il link per effettuare la registrazione è il seguente:
I dati da inserire sono: (Nome, Cognome, Codice fiscale, Email, Operatore, e tipo di abbonamento stipuvisita il sito lato con il provider).

Step 2 Conferma indirizzo email.

Fatto ciò riceverete una mail all'indirizzo da voi inserito, per completare la registrazione dell' vostro account, (username e password) collegato alla piattaforma.

Step3: Scaricare il software sul proprio PC.

A questo punto dovrai tornare sul sito: misurainternet.it, effettuare il login e procedere con l'installazione del software sul proprio PC. Arrivati fin qui, ti basterà cliccare sulle voci: I Agree,successivamente su Install, e Finish, per completare l’ installazione.

Step 4: Attendere il responso.

- Una volta completata l’ installazione il software, ti chiederà di effettuare ancora una volta il Login. DopodichéNE. ME. Sys. monitorerà la velocità di connessione nell'arco delle 24 ore, e successivamente otterrai il responso.

Speedtest di Ookla

Tra i vari strumenti che puoi utilizzare per effettuare il test di misurazione troviamo lo speedtest di Ookla. Inoltre ti preannuncio subito che tale strumento funziona senza l’ installazione di Adobe Flashplayer grazie alla tecnologia HTML 5. Tra i vari strumenti di misurazione, lo Speedtest di Ookla è sicuramente quello più conosciuto. Infatti lo strumento in questione oltre a permetterti di conoscere il ping: (il tempo di reazione di connessione), ti permette di conoscere il tuo indirizzo IP.

Come utilizzarlo

Per prima cosa vedremo come utilizzare la versione standard, disponibile nel caso in cui hai installato Adobe flash player sul tuo computer. Una volta che avrai accesso alla home page del sito, dovrai cliccare sulle impostazioni. Fatto ciò ti si aprirà un menù a tendina, seleziona l'unità di misura desiderata e il gioco è fatto.

Successivamente fai clic sull'icona salva, e una volta tornato sulla pagina iniziale conoscerai la tua velocità di connessione, misurata secondo l'unità da te scelta. Fatto ciò ti saranno indicati i valori di download, ping e upload relativi alla tua connessione. Per utilizzare invece la versione in HTML5 ti basterà accedere al link che trovi qui sotto, una volta entrato sulla pagina iniziale clicca sulla voce Setting. Successivamente ti basterà selezionare l'unità di misura, tornare nella schermata principale e visionare il risultato. Vi è da ricordare che speedtest è disponibile anche per dispositivi: android IOS, e Window.

Fast.com

Nel caso l’ unico parametro che vuoi prendere in considerazione per effettuare il tuo test sia la velocità di download, puoi utilizzare Fast.com. Fast.com è un servizio creato dalla celebre azienda Netflix, dunque pensato proprio per misurare la velocità di download, da utilizzare sulle piattaforme in streaming. In tal caso per utilizzare Fast.com, ti basterà accedere alla pagina principale, e senza alcuna registrazione o installazione potrai visionare il tuo risultato. L'unità di misura fornita dal servizio e in Mbps. Anche se Fast.Com, non offre una misurazione accurata della tua velocità di connessione, lo strumento si presenta sicuramente facile da usare e veloce. Adatto per la maggior parte degli utenti, che si collegano alla rete nel tempo libero.

Broadband speed Checker

Anche in questo caso, vi presentiamo un servizio facile e veloce per i tempi di risposta. Ma con l’ aggiunta che potrai conoscere anche i tuoi valori di upload e il ping, oltre al download. Ed anche in questo caso non avrai bisogno di nessuna installazione o registrazione, per effettuare il test sulla tua ADSL. Il servizio in questione fornirà tuttavia dei parametri dettagliati, sulla tua velocità di connessione. Inoltre potrai anche confrontarti con altri utenti della tua zona che utilizzano il servizio in questione, grazie al rilevamento del tuo IP.

Strumenti di misurazione dei provider


Qualora per conoscere la tua velocità di connessione vorresti affidarti direttamente al tuo provider, sappi che potrai farlo in maniera semplice.
Ma in tal caso per effettuare il test è necessario che tu abbia installato adobe flash player.
Qui sotto ti sarà elencata la lista con i vari provider che offrono il servizio di speed test.

provider

  • TIM: il servizio speed test di TIM è basato sulla tecnologia Ookla, per utilizzarlo ti basterà accedere alla pagina principale ed effettuare il test.
  • Tiscali: Tale servizio è riservato ai clienti, e richiede la registrazione del proprio account sul sito. Una volta inseriti i dati, riceverai le info per ciò che concerne la copertura rete della tua zona oltre, la velocità di connessione.
  • Spegnere il router e riprovare.
  • Contattare l’ operatore in questione attraverso il numero clienti ed esporre il problema.
    In tal modo avrai la possibilità di ricevere un tecnico a casa tua, che effettuerà controlli sull'impianto d’ installazione ADSL.

Conclusione

Come avrai potuto vedere in tale articolo ti è stato illustrato in modo semplice come effettuare il tuo test sull ADSL. Ed avrai sicuramente compreso che qualora stessi ancora scegliendo a quale provider rivolgerti, è consigliabile verificare preventivamente la copertura nella tua zona. Ma ad ogni modo potrai facilmente risolvere il tuo problema riguardo la connessione internet con il minimo sforzo da parte tua grazie a questo tutorial.

Continua a seguirci sul nostro blog


In questa guida, ci occuperemo della domotica, argomento che sta riscuotendo sempre più interesse, grazie ai benefici derivanti dal suo utilizzo e alla crescente accessibilità.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

In questo articolo spiegheremo cosa sia la domotica, tenendo conto del suo crescente interesse. e della progressiva accessibilità.

Tale guida allo scopo di addentrarci in questo mondo, con accenni alle sue origini. Ma anche su come iniziare i costi e la sua utilità.

CONTENUTI

Cos’è la domotica: significato

Aldilà di ciò che viene affermato in giro la domotica è una semplicemente una casa intelligente, e non necessità di super robot all’ interno, come accade nei film.

Dunque, cos’è la domotica? Partendo dall'etimologia della parola stessa, il termine significa letteralmente domos:(casa) ticos: (applicazioni), dalla sua derivazione greca. Tale materia è inoltre l’ unione di diverse discipline scientifiche quali: l’ ingegneria, l’ informatica e le telecomunicazione. E grazie all'utilizzo delle stesse è possibile, facilitare diverse funzioni all'interno di un edificio, guadagnandone in termini di comfort, sicurezza ed efficienza energetica.

Le origini della domotica: un po’ di storia

Partendo dal presupposto che, risulta difficile stabilire quale sia l’ origine del “concetto di domotica”. Possiamo però analizzare gli eventi più cruciali che hanno reso possibile l’ utilizzo della domotica così come la conosciamo ai nostri giorni.

  • Uno dei primi impianti domotici fu un impianto per aria condizionata automatizzato, utilizzato nel 1907 da un hotel di Chicago. Tale impianto, fu un “Jump start”, per i successivi elettrodomestici. 

  • Sempre negli stati uniti, negli anni 50 fu inventata la prima centralina per il monitoraggio di alcuni edifici.
  • Successivamente nel 1966 Jim Sutherland, realizzò ciò che può essere definito come il primo Echo Dot. Infatti l’ ECHO 4 era in grado di controllare diverse apparecchiature, per il monitoraggio della temperatura interna.
  • Un altro anno importante per tale settore fu il 1970 con lo sviluppo del progetto X10 da parte di un'azienda scozzese, che sfruttava le comunicazioni domotiche attraverso la rete elettrica per le trasmissioni. Tale tecnologia fu sostituita negli anni a venire grazie grazie all'innovazione della rete wireless, (senza fili)
  • Nel 2010 Google acquista l’ azienda Nest, iniziando successivamente a sviluppare prodotti intelligenti, per il settore della domotica. Producendo in quegli anni prodotti come termostati e telecamere di sicurezza, sfruttando la rete wireless.
  • Un altra innovazione arrivò con Smart Things nel 2010 che fu incorporata da Samsung. A seguito di una raccolta fondi, riuscì a fruttare un milione di dollari, finanziando così i suoi progetti domotici.

    Successivamente ai giorni nostri l'accessibilità e la conoscenza di tale settore, è stata incrementata dai grandi colossi come Amazon e Google, grazie ai relativi Smart speaker

A cosa serve la domotica: esempi ed applicazioni

Adesso vedremo a cosa serve la domotica e quali sono le sue reali applicazioni:

  • Termoregolazione: tra le sue funzioni la domotica può essere utilizzata anche per regolare in automatico la temperatura interna degli ambienti. Infatti tale sistema intelligente ha la capacità di regolarsi tenendo in conto di diversi fattori quali: il numero di persone presenti, l’ umidità, temperatura esterna ecc. Il tutto ci permette oltretutto di ottimizzare l’ efficienza energetica delle nostre apparecchiature.

Altri esempi di funzioni domotiche.

  • Illuminazione: come nel caso precedente è possibile regolare in automatico il nostro sistema di illuminazione, tenendo in conto degli stessi fattori per la temperatura interna.
  • Impianto elettrico: Tra le altre cose la domotica ci permette di regolare i nostri consumi
    evitando sprechi o sovraccarichi di corrente. 
  • Irrigazione giardino: Un'altra funzione che può aiutarci quotidianamente può essere l’ irrigazione del proprio giardino automatizzata. Che come negli altri case tiene in conto anche dei fattori ambientali regolandosi in maniera automatica. 
  • Sicurezza e videosorveglianza: tale sistema domotico ci permette di vivere sonni tranquilli per ciò che concerne diversi possibili pericoli. I quali possono essere: incendi, allagamenti, intrusi in casa ecc, avvisando tempestivamente le autorità, oltre a far scattare l’ allarme. Totale controllo dell'abitazione grazie alla domotica. Grazie all'automazione è inoltre possibile chiudere tempestivamente porte finestre, qualora ci sia un urgente bisogno. Oltretutto è possibile monitorare da remoto gli elettrodomestici, e tutte le apparecchiature elettriche anche qualora la casa fosse incustodita.
  • Inoltre è possibile gestire anche vocalmente tutte le funzioni della nostra vita quotidiana, connesse alla rete internet, ad esempio: musica, streaming on-demand ecc.

Domotica: quali sono i pro e contro

Come è facile intuire da quanto sopra citato uno dei vantaggi può essere sicuramente il risparmio energetico. Contrariamente a quanto si possa pensare infatti grazie alla domotica, si possono avere notevoli risparmi sulla bolletta, grazie alla corretta gestione di tutte le apparecchiature elettriche. Di meno non si può certo dire per ciò che riguarda la comodità. Infatti grazie alla domotica si possono automatizzare diverse mansioni svolte quotidianamente, risparmiando tempo e pensieri rispetto ad una normale casa. Ciò permette inoltre di migliorare notevolmente la vita di disabili e persone anziane. Un altro aspetto non meno importante è sicuramente la sicurezza, poiché grazie alla domotica possiamo avere la piena supervisione dell'abitazione anche se non vi troviamo all'interno.
Adesso vediamo invece quali possono essere i svantaggi di avere un impianto domotico.
Uno degli svantaggi potrebbe essere il pericolo degli attacchi hacker, che in tal caso avrebbe il pieno controllo sulla nostra abitazione, essendo quest’ ultima interamente connessa ad un computer. Ma ovviamente i vari brand che si occupano di domotica stanno cercando di ovviare a tale problema. Infatti gli impianti domotici diventano via via più sicuri dagli attacchi hacker. Allo stesso modo si sta anche migliorando progressivamente la dipendenza della domotica da fattori correlati alla connessione, offrendo un rapido supporto in caso di necessità.

Ecco l’ elenco dei vari punti in questione per sintetizzare

PRO:

  • Risparmio energetico ed economico
  • Comodità: Automazione e monitoraggio da remoto. 
  • Sicurezza e controllo totale

CONTRO:

  • Privacy e rischi di attacchi
  • Problemi tecnici e di connessione

I principali protocolli di comunicazione nella domotica 

I principali sistemi di comunicazione nella domotica Dato che precedentemente abbiamo trattato parole come: X10, Zigbee ecc adesso vedremo nello specifico di cosa si tratta. La domotica infatti è lo studio dell'interazione di diversi dispositivi, in maniera completa ed integrata. Infatti in essa è di solito presente una centralina di monitoraggio, chiamata a volte Gateway o Hub. Per far si che quest’ ultima possa interagire correttamente con le varie apparecchiature, è necessario che sia collegata attraverso una rete wireless o cablata. I principali standard di comunicazione utilizzati in domotica sono: 

  • Bluetooth
  • WiFi
  • Konnex
  • Zigbee
  • Z-Wave
  • X10
  • Ethernet
  • Thread

Come creare una casa domotica: (per iniziare)

Se tale argomento ti interessa e ti starai chiedendo come iniziare, eccoci arrivati al punto, ma per prima una breve premessa. Vi è da considerare che la domotica infatti in questi ultimi anni, sta diventando sempre più fai da te, grazie alle nuove soluzioni offerte dal mercato. Ovviamente tutto varia a seconda del budget e delle proprie esigenze. 

Impianto domotica 

Se tale argomento ti interessa e ti starai chiedendo come iniziare, eccoci arrivati al punto, ma per prima una breve premessa. Vi è da considerare che la domotica infatti in questi ultimi anni, sta diventando sempre più fai da te, grazie alle nuove soluzioni offerte dal mercato. Ovviamente tutto varia a seconda del budget e delle proprie esigenze. Impianto domotica 

Ecco la lista dei brand più affidabili.

Come funziona un impianto domotico

Premettendo che per avere un vero e proprio sistema domotizzato è necessario l’intervento di professionisti. Tali saranno in grado di adattare l'impianto a tutti i dispositivi all'interno della casa, centralizzando la gestione con una centralina. Da tale centralina sarà possibile monitorare l’ intero apparato elettrico della vostra casa, anche da remoto attraverso dispositivi Android o IOS, come abbiamo già visto precedentemente. Il tutto ovviamente attraverso comandi vocali o da display. Il sistema che collega la centralina alle unità periferiche, viene denominato BUS.

Impianto domotica prezzo
Il prezzo di un impianto domotico può variare a seconda di diversi fattori, e di quanto sia complesso il sistema in esso. Inoltre può oscillare anche a seconda della grandezza del immobile. Possiamo considerare un prezzo indicativo di riferimento, intorno ai 6000-7000 euro, ovviamente per avere una stima più dettagliata è necessario un preventivo.

Domotica fai da te e domotica wireless 

Se invece sei più propenso ad un impianto fai da te meno complesso, ma più accessibile puoi optare per un impianto fai da te. Un esempio possono essere gli smart Sonoff, per automatizzare luci, cancelli ecc. Evitando così di dover richiedere l’ installazione da parte di professionisti, ma potendo configurare, il tutto fai da te. Per fare ciò ti basterà acquistare dei semplici dispositivi Smart e successivamente configurarli, in tal modo avrai una casa “semi-intelligente.”
Domotica con Arduino e Raspberry Pi
Un Esempio di domotica fai da te è sicuramente Arduino.

Arduino è una piattaforma open-source, che ci viene incontro se volete addentrarvi nel
mondo della domotica fai da te.
Grazie alla creazione di prototipi per diverse applicazioni nel campo delle automazioni.
Il tutto tenendo conto della semplicità di uso ad un prezzo accessibile e versatile.
Grazie ai suoi sistemi domotici sarà possibile usufruire di diverse applicazioni legate alla
domotica, almeno le più basilari. Un altro dispositivo che può sostituire almeno in parte una centralina domotica è il Raspberry PI.Si tratta di un piccolo computer spesso utilizzato con Arduino per la domotica Fai da te.

Ecco alcuni libri per approfondire l’ argomento in questione: Il Manuale del Maker domestico e domotica low-cost con Arduino.

Anteprima

Prodotto

Il manuale del maker domestico. Progetti di domotica DIY con Arduino,... Vedi offerta Amazon

Vedi offerta Amazon

Domotica low cost con Arduino. Con CD-ROM Vedi offerta Amazon

Vedi offerta Amazon

Da tenere in considerazione però, che con Arduino e la domotica fai da te non è consigliabile effettuare modifiche all'impianto elettrico. IoT e domotica low-cost.
La domotica fai da te come abbiamo visto è possibile, e ha il vantaggio di non richiedere nessun sistema cablato o l’ intervento degli specialisti. Dato che in tale ambito vi sono diversi dispositivi a basso costo facili da utilizzare. Quasi sempre sono collegabili ad una rete WiFi Oppure utilizzano sistemi di comunicazione come Bluetooth. Tra i Brand più conosciuti in tal senso vi sono: Xiaomi, Ikea, Nest e Philips Hue.

Domotica: prodotti

Qui sotto ti elencheremo una serie di prodotti a basso, costo che potrai acquistare per rendere la tua casa intelligente, ovviamente in base alle tue esigenze (a cosa vuoi automatizzare). Termostati Wifi: grazie ad essi puoi gestire comodamente la temperatura interna della tua casa in maniera intelligente, monitorando inoltre i consumi correlati.

  • Luci e lampadine smart: Le luci e lampadine smart possono essere gestite attraverso comandi vocali come gli ECHO DOT o da un semplice smartphone. Inoltre consentono di risparmiare notevolmente sulla bolletta.
  • Prese WiFi: le prese WiFi, permettono di monitorare il corretto funzionamento degli elettrodomestici a essi collegati, offrendo inoltre una panoramica sui consumi energetici.
  • Telecamere di sicurezza: La domotica è un settore che sta progredendo in modo molto attivo specie per ciò che concerne, la sicurezza e la video sorveglianza. infatti tale ambito offre svariate soluzioni, dalle telecamere di videosorveglianza, ai citofoni smart, potendo monitorare chi vi si trova all' interno dell'abitazione o sull'uscio di casa anche da remoto.
  • Robot: Una delle principali automazioni in campo domotico è sicuramente quella riguardante i robot, e che sicuramente avrà più rilevanza via via progredendo con la tecnologia. Tali robot possono avere funzioni di aspirapolveri lavavetri, dandoci una mano in tutte le mansioni domestiche.
  • Videocitofoni WiFi e spioncini smart: anche in questo caso, munirsi di questi dispositivi può risultare estremamente comodo: per esempio, possiamo sapere chi c’è dietro la porta anche quando non siamo in casa o parlare con i nostri ospiti mentre ci aspettano.
  • Altri elettrodomestici domotici: smart TV, casse HiFi, condizionatori, purificatori d’aria, deumidificatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, frigoriferi, macchine caffè, aspirapolvere ecc. Tale categoria seppur non molto presente sul nostro territorio, è progressivamente in crescita
  • Altri elettrodomestici connessi: smart TV, soundbar, casse WiFi, impianti home theather, condizionatori portatili e non, purificatori d’aria, deumidificatori, lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, frigoriferi, macchine caffè, aspirapolvere e tanto altro. Questa categoria è ancora molto acerba nel nostro paese ma in crescita.
  • I Telecomandi universali e mini PC: Tali dispositivi, permettono di rendere smart anche un normale televisore senza connessione ad internet. Collegando questi ultimi, per poter accedere ai contenuti streaming on-demand, attraverso di essi, o con un normale smartphone, con il tuo televisore. Inoltre i prodotti SwitchBot, sono telecomandi ad infrarossi, che permettono di monitorare la restante parte di apparecchiature non connesse. Ad esempio. Grazie ai broadlink, potrai trasformare le tue normali apparecchiature per la casa, in apparecchiature smart. Tale soluzione ti permette di domotizzare, alcuni degli elettrodomestici tradizionali, senza doverli sostituire, rendendo così più accessibile la spesa.

Il broadlink è una soluzione fai da te ed economica per rendere smart apparecchi elettronici tradizionali.

  • Domotica da giardino: centraline per monitorare l’ irrigazione connesse al WiFi, e robot da giardinaggio garantiscono una facile cura del proprio giardino.
  • Smart speaker e smart display: se si vuol implementare il proprio comfort, questi ultimi permettono di gestire tutti i dispositivi sopra citati, attraverso comandi vocali. 

La lista qui sopra per quanto esaustiva tuttavia è solo una parte delle possibilità offerte dalla domotica, e dai vantaggi di una smart home. 

Un ecosistema smart home

Un ecosistema smart home: è dunque una casa che permette l’ interazione e il monitoraggio di tutte le mansioni quotidiane, e che il tutto va via via progredendo

La domotica con comandi vocali

Come abbiamo visto prima la domotica è possibile anche con l’ interazione della propria voce, il tutto grazie all'intelligenza artificiale che sarà in grado di decifrare i nostri input vocali. Tale ambito e possibile anche nella domotica fai da te, grazie all'utilizzo di smart speaker e smart display. Come si può intuire, tali sistemi funzionano attraverso il WiFi e con l’ aiuto di un assistente vocale. Particolarmente utile per persone anziane, non inclini alla tecnologia, ma con necessità di un aiuto domestico, potendo interagire con loro e rispondere alle loro esigenze. Tali assistenti virtuali necessitano di una semplice configurazione, e saranno in grado di monitorare e interagire con tutti i dispositivi compatibili. Dunque, non solo sarà possibile facilitare l'accesso a tutti i contenuti web, ma anche il controllo vocale della nostra smart home. Smart speaker e smart display.

Come creare una casa domotica con Google Home o Amazon Alexa


Presenti sul nostro territorio già dal 2018, grazie ai famosi fornitori come Amazon (Alexa) o Google (Google Assistent) Gli Echo Dott sono dispositivi in grado di facilitare l’ utilizzo della domotica. Ad esempio si possono scegliere di acquistare dispositivi domotici compatibili con il tuo assistente vocale, come Alexa o Google Home. In tal modo sarà possibile interagire attraverso di essi, solitamente quando si acquistano dispositivi domotici viene riportato se siano o meno compatibili con il tuo Echo Dott. Successivamente all'acquisto per configurarli ti basterà usare l’ app del tuo speaker, e il gioco è fatto. Il nostro consiglio è quello di acquistare gli Echo Dot dei marchi più famosi come Alexa e Google Home, in tal modo sarà più facile trovare dispositivi compatibili. Solitamente le diciture sui dispositivi domotici prima dell’ acquisto sono: Working with Google/Alexa, è consigliato controllare prima del acquisto. Per avere una visione completa ti basterà leggere la guida alla domotica dei rispettivi assistenti virtuali. In tal modo saprai come creare una casa domotica con Google Home o con Amazon Alexa.

Cos’è la domotica?

In sintesi come abbiamo potuto vedere, la domotica è lo studio delle applicazioni, tecnologiche per migliorare il comfort e l'efficienza di un ambiente abitativo.

Perché usare la domotica?

Grazie alla domotica possiamo beneficiare di notevoli vantaggi per ciò che concerne comfort, risparmio energetico e sicurezza

Come creare una casa domotica?

Come abbiamo visto esistono due possibili strade, l’ alternativa quella fai da te, o l’ installazione da parte di professionisti. Ovviamente se si vuole una casa al 100% domotica l’ unica alternativa possibile è quella di affidarsi a dei professionisti.

Quanto costa la domotica?

Ovviamente il costo di un impianto domotico dipenderà dalle tue esigenze. Se si opta per un impianto fai da te ce la si cava con qualche centinaio di euro. Se invece vogliamo ottenere un impianto domotico ad Hoc, per una casa di 70m²è di 7000 euro, all’ incirca. Continua a seguirci su libertaeazione.info


METAVERSO DI FACEBOOK UNIVENT REALTA' VIRTUALE DIVERGENT CITY

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

IL NUOVO METAVERSO DI FACEBOOK:UNA FALSA INNOVAZIONE

COS’É E COME FUNZIONA IL METAVERSO DI FACEBOOK.

Da qualche anno a questa parte si è molto sentito parlare del nuovo metaverso di facebook, ma poche persone l’hanno concretamente utilizzato e sanno di cosa si tratta. Si era tanto atteso e aveva attirato l'attenzione, ma  alla fine si è rivelato essere nient'altro che un’insieme di mondi virtuali ai quali accedere dall’interfaccia principale: senz’altro una grande novità per quanto concerne il tipo di interazione con gli utenti, ma non per quanto riguarda il suo funzionamento e la sua logica. Pensandoci bene il suo funzionamento infatti è molto simile a quello di internet stesso, con la differenza che al momento risulta essere molto più limitato nelle funzioni ed addirittura un servizio di élite (dato dal costo elevato delle attrezzature necessarie all’utilizzo del servizio).

Il metaverso di Facebook è una sorta di internet reso in 3D. Zuckerberg lo ha descritto come un ambiente virtuale in cui è possibile entrare invece di limitarsi a guardarlo su uno schermo. Il termine metaverso deriva da meta, parola greca che significa “oltre”, e universo. Il termine è stato coniato dallo scrittore Neal Stephenson nel suo romanzo del 1992 Snow Crash, dove il metaverso è descritto come un mondo virtuale a cui le persone si collegano tramite dispositivi tecnologici di realtà aumentata e vi possono realizzare in 3D tutto ciò che vogliono: negozi, uffici, locali dove tutti si possono incontrare e interagire. E' una nuova realtà virtuale proiettata nella rete e condivisa da tantissime persone allo stesso tempo: si può assumere la propria identità o una nuova identità digitale, entrare in contatto con altre persone e cose, e svolgere attività sociali. Vivere una seconda vita parallela, come in un enorme videogame.

COME ACCEDERE AL METAVERSO?

Ponendosi questa domanda si arriva già alla prima dimostrazione che questa falsa innovazione, dalla sua nascita e probabilmente per i prossimi anni, rimarrà un servizio di élite. Per accedere al metaverso infatti l’unica cosa da fare, è acquistare gli appositi visori. La piattaforma di realtà virtuale di Facebook/Meta si chiama Oculus ed è composta da hardware (i visori VR) e software (app e giochi). Non è l’unica piattaforma VR disponibile (ma è la principale), ce ne sono altre, che necessitano sempre dei visori. Questi ultimi hanno un costo che si aggira attorno ai 2000 dollari e sono supportati solo da computer che ovviamente, abbiano determinate capacità e quindi un determinato costo, non accessibile a tutti.

QUALI SONO GLI SCOPI E LE INNOVAZIONI DEL METAVERSO DI FACEBOOK?

Zuckerberg con la creazione del metaverso sta cercando di monopolizzare internet, così come ha fatto in precedenza con lo schema ponzi di Facebook (per saperne più a riguardo leggi anche Facebook Schema Piramidale). L’obiettivo e l’innovazione principale del nuovo mondo parallelo, è il voler dare agli utenti la possibilità di avere una vita parallela, una seconda vita virtuale a tutti gli effetti: in esso infatti, sono presenti anche diversi modi per investire attraverso BTC ed NFT. Quanto ideato dal proprietario dell'azienda che ora ha preso il nome di Meta Platforms Inc.è tanto bello e sorprendente, quanto spaventoso: così come con gli altri tipi di interazione si possono comprendere le preferenze degli utenti, con il metaverso ed i visori che necessita è ancora più semplice riuscire a comprendere le reazioni e le emozioni suscitate negli utenti dalla parte di mondo virtuale con cui sono entrate a contatto. Questo mondo virtuale come già detto, non è una reale innovazione del settore, ma si può anche definire semplicemente come un’interfaccia che garantisce a Facebook, l’accesso facilitato alle nostre informazioni biometriche.

QUAL È IL VALORE E LA FREQUENZA DEGLI INVESTIMENTI E DELLE PROPRIETÀ VIRTUALI?

Dato che il metaverso di Facebook risulta essere un valido sostegno a cui affidare la propria vita virtuale, Zuckerberg ha annunciato una svolta per il social network. Si stimano 5 miliardi di investimenti per sviluppare un'economia basata su pubblicità e compravendita di oggetti digitali che assumeranno sempre maggiore valore e successo. Sono già stati effettuati sulla piattaforma diversi investimenti e collaborazioni con l'obiettivo di arrivare alla maggiore distribuzione possibile e raggiungere un ampio pubblico (infatti si sta cercando di abbassare il costo dei visori o creare Smart glasses più economici che permettono ugualmente l’accesso alla nuova interfaccia). In questo modo la community cerca di dare vita a una florida economia digitale all'interno del metaverso, dove le principali linee di ricavo per Facebook saranno la pubblicità, la compravendita di oggetti virtuali fra creator e utenti ela possibilità di vivere esperienze virtuali.

Nonostante gli investimenti e gli annunci di Zuckerberg, il metaverso sembra essere lontano dalla portata di tutti, ecco perché noi di Working With Web abbiamo deciso di creare un nuovo mondo digitale, una nuova realtà virtuale, che garantisce lo stesso coinvolgimento e la stessa esperienza del metaverso di Facebook, ma con costi molto più accessibili e un rispetto della privacy assicurato. (Soprattutto riguardo i dati biometrici, ora conoscibili dalle piattaforme grazie ai visori e al loro funzionamento). Il nuovo mondo è un universo divergente, da questo il nome UNIVENT. (per saperne più a riguardo leggi anche Univent - L'universo Divergente).